Benefici del Digiuno, omeostasi e allostasi

Benefici del Digiuno, omeostasi e allostasi

I benefici del digiuno - intramundi.it - In Viaggio tra Natura e Mistero

Buongiorno dal team di biosportinglab!!

Oggi vogliamo parlare del nesso che sussiste tra Omeostasi, Sovraccarico Allostatico, Digiuno.

Ad una prima lettura possono sembrare cose complicate, in realtà non lo sono ed è assolutamente necessario conoscere questi meccanismi per portare (o mantenere) il proprio corpo in uno stato di salute ottimale.

Come ormai avrete più volte sentito, il nostro corpo ricerca una condizione di equilibrio, definita di “omeostasi”: attraverso dei meccanismi di autoregolazione, l’organismo cercherà sempre di tornare al punto di quiete, alla condizione di “confort” che più predilige (insita nel patrimonio genetico).

Questo fin quando tutto procede più o meno regolarmente.

Quando però sopraggiungono degli stimoli esterni, il corpo deve adeguarsi a questa nuova situazione ed entra in uno stato definito “allostatico”.

Se gli stimoli non sono eccessivi, l’organismo si adatterà (mediante il fenomeno definito sindrome generale di adattamento di Selye) migliorando il suo stato di fitness.

Qualora, invece, gli stimoli siano eccessivi rispetto alle capacità organiche, il carico allostatico si trasformerà in “sovraccarico allostatico”.

Infatti nei tempi contemporanei, proprio a causa di eccessivi fattori quali stress, ritmi eccessivamente frenetici, inquinamento atmosferico ed elettromagnetico, fumo, sedentarietà, cibi-spazzatura, sovrappeso, sovra-stimolazione del sistema nervoso simpatico, il nostro corpo produce in eccesso i famigerati RADICALI LIBERI, molecole con un elettrone spaiato che tendono a distruggere le cellule sane che, se non contrastati, sono tra i principali responsabili dei processi infiammatori silenti e cronici.

Proprio l’eccesso di Radicali Liberi sono un esempio di fattori che alimentano il sovraccarico allostatico e che potrebbero innescare lo sviluppo di svariate malattie, anche particolarmente gravi, se non curate per tempo.

Un altro aspetto da osservare è quello relativo alla tossicità (lipo e gluco-tossicità): un eccesso di calorie non smaltite, soprattutto se in associazione a “cibo-spazzatura”, sovraccaricherà tessuti e organi rendendo via via sempre più difficile la fisiologica capacità di depurazione.

Una delle pratiche più antiche ma efficaci che possono contrastare la tossicità cellulare e l’infiammazione dei tessuti è il digiuno, associato al consumo di super food di origine vegetale con grandi potenzialità detox.

Esistono diverse tecniche di digiuno: un giorno alla settimana, 16:8, una settimana al mese, protocolli specifici quali il Clean9, etc…

Al di là di quale si preferisca, i maggiori benefici del digiuno riguardano:

  • il miglioramento del sistema immunitario (il corpo disgrega le strutture poco o non funzionanti che sovraccaricano inutilmente l’organismo, producendone di nuove e di ottimale funzionamento)
  • il contrasto alle infiammazioni (grazie alla produzione di butirrato e altre sostanze, che spegne le infiammazioni organiche)
  • disintossica (gli organi si “riposano” e si liberano dalle tossine)
  • ottimizzazione dell’assorbimento dei nutrienti (l’intestino pulito capta meglio molti micronutrienti anziché eliminarli con le feci)
  • stimola il consumo di acidi grassi (la scarsità di zuccheri nel sangue spinge il corpo ad entrare in uno stato di chetosi, situazione che fa utilizzare i corpi chetonici, sostanze prodotte dai trigliceridi)
  • fa dimagrire (solo se ben strutturato e organizzato)

Concetti molto studiati ma fin troppo vasti da trattare. Speriamo di aver reso l’idea, anche se in maniera molto sintetica.

Se la lettura vi è piaciuta, condividete pure.

A presto!

Un saluto dal team di biosportinglab.

Lascia un commento

it_ITItalian
it_ITItalian